Eurosport Supercoppa 2020: Virtus Segafredo Bologna vs Banca Cambiano Fortituto Pallacanestro Bologna: 84 – 86

Bologna, 7 settembre –

VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA – BANCA CAMBIANO FORTITUDO PALLACANESTRO BOLOGNA: 84 – 86
(11-14, 26-36, 60-63)

Virtus – Tessitori, Deri NE, Abass 5, Pajola 6, Alibegovic 14, Markovic 3, Ricci 15, Adams 10, Hunter 4 , Weems, Teodosic 22, Gamble 5.

Fortitudo – Banks 12, Aradori 16, Mancinelli NE, Simon NE, Dellosto 12, Fletcher 10, Palumbo NE, Fantinelli 10, Happ 8, Withers 10 , Totè 6, Sabatini 2.

LA PARTITA.

Markovic, Adams, Abass, Ricci e Gamble, il quintetto di partenza schierato da Coach Djordjevic per questo secondo derby di stagione.

Partita equilibrata, con la Fortitudo che si porta sul + 5 dopo 4′ minuti dalla palla a due, ma viene prontamente raggiunta da Ricci che mette la bomba del – 2 e porta il risultato sul 7 a 9 per gli ospiti. Hunter schiaccia e pareggia, break di 5 a 0 per le V Nere. Due punti per la squadra di coach Sacchetti che si riporta in vantaggio. Contropiede di Alibegovic che trova l’irregolarità della difesa fortitudina, dalla lunetta fa 2/2 trovando così il pareggio 11 a 11.  Ultimo minuto di gioco che si chiude con il tiro dall’arco di Dellosto, + 3 biancoblu. Sirena e primo quarto che va in archivio con il punteggio di 11 a 14 per gli ospiti.
Banks apre le danze con un tiro da tre punti, la difesa bianconeri serra i ranghi in difesa con Alibegovic, Markovic e Gamble. La Virtus continua ad attaccare, ma sotto le plance non riesce a concretizzare la mole di lavoro prodotta. Fortitudo sempre a +6 e time out chiamato da Coach Djordjevic. Risultato che rimane inchiodato sul 11 a 17 Fortitudo, fino a quando Pajola raccoglie il tentativo di Abass e insacca in rete. Tre punti per Fletcher a cui risponde prontamente Markovic che segna e concretizza il gioco da tre: 16 a 20. 15′ minuto di gioco, Pajola, stratosferico nel recupero difensivo, si getta a terra e conquista il pallone, contropiede bianconero che si chiude con il canestro di Gamble che sfrutta anche il bonus dalla lunetta. Fortitudo risponde sparando dall’arco e trovando i tre punti del +4. Aradori entra in area e segna. La squadra di coach Sacchetti si porta nuovamente a +6. Happ riceve sotto il tabellone, insacca e conquista il fallo. Time out bianconero. 19 a 27 Fortitudo il risultato al Paladozza quando mancanco 3′ e 19” all’intervallo lungo. Massimo vantaggio biancoblù fino ad ora (+10), ma Ricci appoggia al ferro e accorcia le distanze; Fletcher la mette da tre, Teodosic pure, 24 a 32 quando manca meno di un minuto all’intervallo. Alibegovic risponde ad Happ, ma è biancoblu l’ultimo canestro della prima frazione. Sirena e squadre che vanno al riposo sul punteggio di 26 a 36.

La partita si impenna, con protagonista Teodosic, che prende in mano una Virtus piombata a -14 (32-46 ). Teodosic mette due triple consecutive, -8 e il Paladozza si scalda, time out Fortitudo. Aradori segna, Alibegovic segna dall’arco, Teodosic porta il pallone, passaggio no-look per Alibegovic che segna altri due punti portando le V Nere a -5. Altro assist di Teodosic strepitoso, altro canestro bianconero. Sempre il numero 44 porta a spasso la difesa fortitudina, appoggio morbido e -2. Dellosto cerca di fermare il momento favorevole virtussino segnando da tre, ma gli attacchi della Segafredo non si fermano, canestro di Alibegovic, fallo antisportivo su Teodosic, 1/2 dalla lunetta. Punteggio di 52 a 54 quando mancano 3′ 15” alla fine del terzo quarto. Sempre Milos, che prende per mano la Virtus e la trascina ad una sola lunghezza di svantaggio. Il Paladozza è tutto in piedi ed intona il suo nome. Happ e il tiro libero di Banks riportano la Fortitudo sul +4 quando mancano 1′ e 12” secondi alla fine del terzo quarto. Bomba di Ricci, 58 a 60. Tripla di Dellosto, Adams dalla lunetta fa 2/2. Finisce il terzo quarto, 60 a 63, ospiti che iniziano l’ultimo atto di partita ancora avanti. Ricci apre gli ultimi dieci minuti trovando il canestro del – 1 e pochi istanti dopo Adams trova la tripla del pareggio: 65 a 65.  Sabatini ed Aradori riportano la Effe avanti con il punteggio. Adams penetra di forza nel pitturato ed insacca il -2, ma Aradori segna, 67 a 71, time out chiamato dalla panchina bianconera. Tripla di Adams, tripla di Fletcher, schiacciata di Hunter e due punti di Fantinelli. Ricci mette tutti d’accordo con la tripla dall’angolo, Virtus nuovamente a -1. Time-out questa volta biancoblu. Ricci dalla lunetta fa 2/2, Virtus finalmente in vantaggio, 77 a 76 al 35′ di gioco. Teodosic mette la tripla, il Paladozza esplode, +4 bianconero. Dai liberi Milos allunga ulteriormente il vantaggio della Segafredo, Aradori questa volta forza il tiro che non entra. Fortitudo accorcia lo svantaggio portandosi sul -3. Banks segna, Pajola si getta sul rimbalzo ed appoggia a canestro: 84 a 81 quando mancano meno di 60” alla fine. Due punti Fortitudo, +1 Segafredo a 30” dalla fine di questo secondo derby di Supercoppa. Ultimi due possessi della gara, Happ lavora bene sotto le plance e segna, +1 biancoblu a 13″ dalla fine, time out Virtus. Si torna in campo, Markovic scarica per Teodosic che non riesce a segnare. Rimessa Fortitudo a 5″ dalla fine. Banks fa 1/2 dai liberi, 84 a 86,  Time out Virtus. Non c’è più tempo. Il Tiro di Teodosic non entra. Finisce la partita, Basketcity si spartisce equamente i due derby della Supercoppa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.