2° giornata EuroCup 7DAYS, Virtus Segafredo Bologna vs Lokomotiv Kuban Krasnodar: 85 – 79

Bologna, 07 ottobre –

 

Virtus Segafredo Bologna vs Lokomotiv Kuban Krasnodar: 85 – 79
(Q1 14 – 14 ; Q2 36 – 40; Q3 68 – 63)

Virtus Segafredo Bologna: Tessitori 7; Deri NE; Abass 2; Alibegovic 3; Markovic 6; Ricci 8; Adams 17; Hunter 2; Weems 13; Nikolic NE; Teodosic 18; Gamble 9.
Coach: Djordjevic

Lokomotiv Kuban Krasnodar: Cummings 18; Motovilov NE; Kalnietis 9; Ilintsky 3; Williams 9; Kalinov; Kuzminskas 20; Lynch 2; Martiuk 3; Crawford 15; Sychkov; Emchenko.
Coach: Pashutin

Arbitri: Boltauzer, Laurinavicius, Racys

 

La partita:

Esordio casalingo in EuroCup per la Virtus Segafredo Bologna, avversario di giornata i russi del Lokomitiv Kuban. Coach Djordjevic schiera in quintetto Markovic, Abass, Weems, Ricci, Tessitori. Primi 5′ di quarto equilibrati, con i russi che provano a portarsi avanti, ma vengono rimontati dalla tripla di Adams (9-9). Kuzminskas segna il +2 schiacciando a canestro, Crawford troppa la tripla, ma Teodosic prima e Alibegovic su assist di Weems, riportano i bianconeri in parità: 14 – 14 e time out chiamato da Coach Pashutin. Una mancata spinta da parte di un giocatore del Lokomotiv su Alibegovic non trova assolutamente d’accordo il pubblico bianconero, che risponde in maniera veemente contro il direttore di gara. Sirena e primo quarto che termina 14 – 14.  Nel secondo quarto Kuban si porta sul +4, Teodosic segna dall’arco, Kalnietis appoggia al ferro, ma è ancora una volta il numero 44 bianconero che si porta in lunetta e fa 2/2 (19-20). Kuzminskas segna, Kalnietis trova i tre punti, ma Hunter interrompe il break, sfruttando l’assist di Markovic. Kuzminskas scatenato spedisce le V Nere a -7. Tessitori dalla lunetta fa 1/2, ma la tripla di Crawford obbliga la panchina bianconera, 22 a 31 il punteggio quando mancano 5′ all’intervallo lungo. Tripla di Teodosic, Tessitori prima dalla lunetta e poi schiacciando a canestro porta sul -5 la Segafredo. Un buon finale di tempo della Virtus permette ai bianconeri di tornare sul momentaneo -4, 36 – 40 il punteggio dopo la seconda sirena.

Terzo quarto che inizia con la rimonta e il sorpasso virtussino, Weems, ma soprattutto Ricci portano sul +2 la Virtus. Dai liberi il Krasnodar pareggia e poi si riporta avanti,  Teodosic entra nel pitturato, con la mano sinistra appoggia il pallone al ferro e trova il pareggio, 46 – 46. La Virtus mette il turbo, Markovic, Weems e Gamble fanno volare le V Nere sul +8, trovando giocate e canestri che infiammano il pubblico virtussino: 59 a 51 il punteggio quando mancano 4′ alla fine della terza sirena. Markovic manda sul +10 la Segafredo, Azione costruita magistralmente dalla Virtus, passaggio ad Adams che finta e poi rilascia il tiro che trova i tre punti; la squadra russa torna a -4 sul finire del terzo quarto. Giro in lunetta Adams per che con freddezza fa 2/2, 68 a 82 a 3′ dalla fine del terzo quarto. Cummings fa 1/2 ai liberi, sirena e terzo quarto che va in archivio. Ultimo quarto con Adams è decisamente ispirato. Con lui e Teodosic la Virtus torna a +11. Poi c’è parecchia confusione, e Kuban prova a rientrare a suon di liberi. Gamble mette un canestro pesante. Weems mette la tripla del definitivo 85-79.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.