METTI UNA SERA, A TEATRO

Di Naima Scognamiglio

La nuova produzione di Teatro delle Temperie, fino al 24 luglio in tre location d’eccezione

Metti una sera d’estate, “di cosce e zanzare” citando un noto rocker emiliano, dopo una giornata calda e afosa alla ricerca di un po’ di ristoro, ti imbatti in un luogo incantato, sulle rive del fiume Reno, immerso nel verde silenzioso e decisamente rilassante. Un palco attorniato da una ventina di tavolini, alcuni già occupati da spettatori che chiacchierano sottovoce, per non disturbare l’ambiente intimo, consumando un aperitivo in attesa dello spettacolo, crea un’atmosfera da cafè concerto e improvvisamente ti senti quasi privilegiato ad essere lì, come se fosse uno di quei club durate l’epoca del proibizionismo.

Metti un personaggio decisamente sopra le righe, vestita come Linda Perry delle 4 Non Blondes che parla un idioma unico, un mix di tante lingue, un po’ alla Fra Salvatore de Il nome della rosa ma meno inquisitrice, più viaggiatrice, figlia del mondo. Si presenta come Madame Banshee e siamo subito tutti rapiti da lei che sinuosa si avvicina al pubblico per leggerne, a sorte, il futuro.

Metti una formula magica, un incantesimo di “teatromanzia”, che fa apparire delle finestre di memoria e immaginazione, che si aprono nel buio della notte, come flashback e sul palco ci raccontano le loro storie, divertenti e tragiche, passionali e disperate, ubriache d’amore e di solitudine. Sono attori che si mettono a nudo, ci mostrano le loro debolezze, le loro paure, le difficoltà della vita, le ambizioni e frustrazioni, le aspettative di una felicità che è essa stessa tanto reale quanto spaventosa. Sono coppie che si amano tanto da bruciarsi di passione al solo tocco, sono giovani rampanti esasperati dalla voglia di emergere, sono casalinghe, che sognano una vita diversa attraverso i reality show, sono donne abbandonate, sono amici ubriachi, sono menti logore dalla follia, sono fate svolazzanti nel cielo stellato, che sembrano, davvero, fatte della stessa sostanza dei sogni, ma che in realtà siamo noi, tanti noi, nel crudele spettacolo della pantomimica teatrale che ci insegna a riflettere.

Metti che Il Cabaret degli Arcani, nuova produzione della compagnia Teatro delle Temperie, riesca a fare questo beh, possiamo considerare l’esperimento riuscito, che avresti voglia di ripetere e ripetere ancora.

Tre le location scelte: Parco 1° Maggio a Bazzano, Casa delle Acque a Casalecchio di Reno e Villa Largaiolli a Sala Bolognese, ultima replica di questa tournée estiva il 24 luglio proprio a Villa Largaiolli, inizio aperitivo ore 20,30, inizio spettacolo ore 21,30. Scritto e interpretato da Andrea Lupo, con musiche e canzoni di Guido Sodo interpretate dal vivo, è un appuntamento assolutamente da non perdere.

info e prenotazioni:

335 1647842 | 051 963037 | info@teatrodelletemperie.com
info@teatrodelletemperie.com