5° giornata LBA, Virtus Segafredo Bologna – Pallacanestro Varese

Bologna, 19 ottobre – Alle ore 19.00, in un PalaDozza quasi sold-out, andrà in scena il 5° turno di campionato, avversario di giornata Varese.

Statistiche e numeri. Sono 163 le gare giocate dalle due società, la prima partita disputata risale alla stagione 1948/49. 79 le vittorie di Bologna contro le 84 di Varese. Due le le finali scudetto giocate tra Virtus e Varese: 1976/77 e 1977/78, entrambe vinte da Varese. Ultimo dato: La Virtus Bologna ha vinto 4 delle ultime 5 gare contro la squadra lombarda.

Qui Varese.Varese, prima di affrontare in bianconeri, ha usufruito del turno di riposo concesso dal campionato dispari. Tornano a disposizione di Coach Caja Vene, che ha smaltito il problema muscolare, e per la prima volta in stagione farà il suo debutto nel nostro campionato la guardia Jason Clark. 1 sconfitta, in casa contro Sassari, e 2 vittorie con Trieste e Fortitudo, sono il bilancio della squadra varesina, che, ad oggi, può contare sulla migliore difesa del campi0nato con appena 65.3 punti subiti.

Le parole di. Coach Caja. “La Virtus Bologna è la squadra del momento perché è imbattuta sia in campionato che in coppa. Non scopriamo oggi il valore della Segafredo e dei giocatori che la compongono che sono atleti di alto livello che coach Djordjevic, che a sua volta è stato un giocatore di caratura mondiale, sa come farli rendere al meglio. Un nome su tutti è quello di Milos Teodosic, il classico giocatore per cui vale la pena comprare il biglietto della partita; noi siamo privilegiati perché il biglietto non lo paghiamo ed inoltre saremo a bordocampo. Sarà un grande piacere ed un immenso stimolo giocare contro di lui e vedere da vicino quelle qualità che ha messo su tutti i parquet del mondo. Considerando che vicino a lui c’è Stefan Markovic, grande finalizzatore oltre che giocatore di squadra, dovremo provare a fare la nostra difesa migliore, prendendo comunque in considerazione anche tutti gli altri che vanno a comporre il roster. A cominciare da Gaines, che lo scorso anno a Cantù si è rivelato un ottimo giocatore capace di fare canestri in tanti modi, passando per Weems, ala di livello Eurolega pericolosa dal perimetro, e finendo con i centri Gamble, Hunter e Delia. Senza dimenticare gli italiani come Ricci e Baldi Rossi che hanno già dimostrato di essere pericolosi. Dovremo fare del nostro meglio rischiando qualcosa in qualche parte del campo e cercando di limitare la loro qualità. Sarebbe presuntuoso da parte nostra pensare di fermarli tutti, ma non per questo non proveremo a fare la nostra miglior prestazione difensiva”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.